Crea sito

Occorrente per allevare a mano

1- CAMERA CALDA: Dal nostro punto di vista una cosa imprescindibile è senza ombra di dubbio una camera calda (o incubatrice che dir si voglia): I pulli a seconda dell'età hanno più o meno piume sul corpo, ed è fondamentale per la loro vita che la temperatura corporea si mantenga entro un certo range. Se mancano le piume c'è un'eccessiva dispersione di calore e quindi il pappagallino tende ad andare in ipotermia e a morire, perchè il calore viene disperso più velocemente di quanto ne venga prodotto. In natura la madre cova i piccoli e li riscalda fungendo da incubatrice e da fonte di calore. Nell'allevamento a mano è necessario che sia l'allevatore a fornire il calore ai piccoli. A seconda dei mesi in cui nascono i piccoli, la camera calda diventa ancora più importante: è logico che durante i mesi invernali sia fondamentale, mentre durante i mesi estivi è meno importante anche se di notte è comunque importantissima. Basti pensare che i pulli appena tolti dalla madre a 1 settimana sono implumi e quindi vengono messi ad una temperatura di 35° C, quindi in ogni stagione dobbiamo assicurarci che la temperatura sia più simile possibile a quella indicata e soprattutto che sia costante. La Camera calda ha un sistema regolato da un termostato che riceve informazioni sulla temperatura dentro alla camera grazie a una sonda che sente anche le minime variazioni di temperatura; Alla minima variazione il termostato manda un output a un sitema che genera calore e che può essere una lampada di terracotta o ad infrarossi (come quelle usate nei terrari per i rettili e che hanno la funzione non di far luce ma di produrre calore), un tappetino riscaldante o comunque una resistenza dove la corrente passando produrrà calore. Raggiunta nuovamente la temperatura il sistema tornerà quiescente. 

Speriamo di essere stati chiari sull'utilità di questo strumento; Non se ne può fare a meno. Chi non ha una camera calda di solito utilizza dei tappetini riscaldanti da rettili, o borse dell'acqua calda. Le borse dell'acqua calda sono  sconsigliate perchè cedono calore e quindi c'è bisogno di stargli molto dietro e cambiare costantemente l'acqua; il problema è la notte, quando fa più freddo, che richiede a colui che alleva il pullo di alzarsi almeno 2 volte per sostituire la borsa (In assenza di altri sistemi, si fa di necessità virtù ma la mortalità è alta). Il costo di una camera calda in commercio si aggira sui 100-150 €; una soluzione può essere quella di autocostruirsene una da soli, a fronte di una spesa di circa 30- 35 € (20€ per il termostato, 5-6 per la lampada ad infrarossi, ed il resto di legno da 0,5-1cm di spessore).

2- MISCELA PER LO SVEZZAMENTO: Oltre alla camera calda, avremo bisogno di un alimento da dare ai nostri pulli. In natura i piccoli vengono generalmente nutriti con semi, frutta e anche insetti (in alcune specie di pappagallo), che in cattività vengono forniti dall'allevatore grazie a miscele di semi pronte, estrusi, pastoncini all'uovo, semi germinati etc. Al momento in cui togliamo dal nido i nostri piccoli dobbiamo sostituirci alla madre e fornire ai nostri piccoli tutte le sostanze necessarie alla loro crescita, per questo delle Aziende produttrici di mangimi per uccelli hanno prodotto delle miscele in polvere complete per la crescita dei piccoli. Il prodotto maggiormente reperibile in commercio è il Nutribird A21 della Versele-Laga: esiste in 2 confezioni, una da 800 gr ed una da 3 Kg. Mediamente quella di 800gr è sufficiente per lo svezzamento di 3-6 pappagalli (il range varia in relazione all'età a cui si toglie i pulli dal nido, e da quella di svezzamento) inseparabili. Oltre ai questo prodotto esiste l'A19, sempre della Versele che però è utilizzabile esclusivamente per Ara, Amazzoni, Cenerini, Ecletto e conuri sudamericani.

NOI personalmente utilizziamo una particolare pappa da imbecco prodotta dal LOR (Laboratorio Ornitologico Reggiano). potete contattarli tramite mail o telefono e farvela arrivare direttamente a casa. E' di ottima qualità ed il rapporto qualità prezzo è fenomenale. 

Ne esistono di molte marche: Zupreem, Raggio di sole, Psittacus etc. Ogni allevatore impara a conoscere il prodotto con cui lavora e decide poi secondo la propria esperienza quale preferisce.

3- SIRINGA (e AGO PER IMBECCO): Di questi due oggetti, quello indispensabile è la siringa; l'ago da imbecco può essere utilizzato come no. Quest'ultimo viene utilizzato solitamente da chi alleva a mano un grande numero di pappagalli per risparmiare tempo visto che infilandolo direttamente nella gola del pappagallino lo si fa arrivare direttamente al gozzo dove in una volta sola si può riversare l'intero contenuto della siringa; Nel caso in cui si utilizzi solo la siringa invece bisogna dare il tempo al pullo di deglutire volta volta il contenuto della siringa che gli abbiamo somministrato. Viene da se che il tempo impiegato nel primo caso è nettamente inferiore. Nell'usare l'ago da imbecco c'è comunque da prestare molta attenzione perchè comunque andiamo ad inserie un corpo estraneo nella gola di un esserino molto fragile, ed inoltre c'è da orientare correttamente l'ago secondo la direzione della gola, altrimenti si rischia di non far ingerire niente al pappagallino e di far refluire tutto il mangiare fuori. Quindi per chi allevi uno o comunque pochi pulli è consigliabile l'uso della sola siringa.

 

4- SPIGHE DI PANICO, SEMI, TRUCIOLI, GABBIA: In ultimo menzioniamo delle cose che sembrano scontate ma in realtà hanno anche queste una loro importanza. Le spighe di panico e i semi hanno una loro importanza, perchè mettendole hai pulli dalla 3/4 settimana questi cominciano a beccare, e cominciano in un certo senso ad autoalimentarsi. Familiarizzando con questo cibo, arriveranno piano piano ad alimentarsi da soli. I trucioli sono importanti perchè assorbono quelle che sono le feci dei piccoli; quando questi vengono alimentati con la siringa, la composizione è prevalentemente acquosa, quindi onde evitare che si bagnino e che si sporchino è importante mettere i trucioli, che verranno cambiati periodicamente per una questione di igene. La gabbietta infine è necessaria perchè quando il piccolo avrà messo tutte le piume, anche se lo stiamo ancora alimentando, sarà importante alloggiarlo all'interno di quest'ultima, così potrà cominciare ad arrampicarsi, svolazzare e a muoversi liberamente cominciando così a sviluppare i vari sensi in maniera più accurata.